a
ecologist
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. In consequat dignissim interdum, quis bibendum.
call us 1-677-124-44227
ecologist@mikado-themes.com
instagram
follow us
 

Adotta una tartaruga

Puoi aiutarci sostenendo con una piccola donazione una tantum le cure di una delle tartarughe ricoverate al nostro Centro di Recupero Cura e Riabilitazione delle Tartarughe Marine . Scegli una tartaruga, riceverai l’attestato di adozione e la sua foto e ricorda che ci puoi contattare in qualsiasi momento per informazioni sullo stato di salute dell’animale adottato e per venire a fargli visita.

Hai 3 differenti possibilità di adozione:
30 € – Riceverai l’attestato e la foto della tartaruga scelta.
50 € – Riceverai l’attestato, la foto e la t-shirt.
80 € – Riceverai l’attestato, la foto, la t-shirt, il portachiavi e il peluche.

IMPORTANTE: a pagamento effettuato, invia una mail a informazione@fondazionecetacea.org con il nome della tartaruga scelta e l’intestatario dell’adozione.

Le devoluzioni possono essere versate sul conto corrente bancario:

IBAN IT22 D030 6909 6061 0000 0011 898

o tramite paypal (Fondazione Cetacea onlus).

Adotta una tartaruga, adotta il mare

Sparviero.

Sparviero è una Caretta caretta subadulta di 48 cm, catturata accidentalemente in una rete da posta fissa lo scorso 29/11 a Pesaro. La rete da posta è una rete disposta verticalmente e spesso molto lunga che viene lasciata in mare lasciando che siano le prede a raggiungerla ed a rimanervi impigliate: ciò la rende uno degli attrezzi più letali per il cosidetto “bycatch”.

Laura.

Laura è arrivata presso il nostro CTRM l’8 marzo 2022, ed è stata ritrovata spiaggiata per ipotermia a Misano Adriatico. All’arrivo misurava 20 cm di carapace e pesava 860 g.
Ancora oggi presenta difficoltà motorie, probabilmente dovute a danni neurologici, e sta seguendo un percorso di fisioterapia e riabilitazione.

Enrica.

Enrica è arrivata il 15 dicembre,  pescata a strascico dal motopeschereccio RIMAS di Cesenatico.  Ha un carapace di 71 cm di lunghezza per un peso 38 chili. Presenta una profonda ferita (visibile nella foto) sul carapace in posizione posteriore, precedente alla cattura accidentale nella rete a strascico.

Elettra.

Pescata accidentalmente a strascico lo scorso 24 febbraio, il pescatore si è subito accorto che presentava delle ferite “sospette”: due lettere incise volontariamente con un oggetto tagliente sul carapace in profondità, fino al tessuto sottostante, provocandone il sanguinamento. Per questo ci ha contattato immediatamente e ora stiamo provvedendo alle sue cure presso il nostro Centro di Recupero Tartarughe.