a
ecologist
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. In consequat dignissim interdum, quis bibendum.
call us 1-677-124-44227
ecologist@mikado-themes.com
instagram
follow us
 

Standard Left Sidebar

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit.

Evaluation of microplastic content in faecal sample from hospitalized loggerhead sea turtles […]

Evaluation of microplastic content in faecal sample from hospitalized loggerhead sea turtles (Caretta caretta) of the North Adriatic Sea.   Tesi di Laurea Magistrale in Biologia Marina della Dott.ssa Chiara Roncari - Alma Mater Studiorum Università di Bologna.   In breve: lo scopo dello studio è stato quello di valutare il contenuto di microplastiche nei campioni fecali di 45 fra le tartarughe marine Caretta caretta ricoverate presso il centro di recupero fra il 2016 e il 2019 , cercando così di fornire nuove informazioni utili per la ricerca in questo campo e di offrire un contributo nella gestione del animali durante le fasi di degenza.   Abstract: Le microplastiche sono...

Calcareous nannofossils to reconstruct the Eastern Mediterranean Sea […]

Calcareous nannofossils to reconstruct the Eastern Mediterranean Sea paleoceanography at the time of sapropel S6 deposition (180 ka ago)   Tesi di Laurea Magistrale in Biologia Marina della Dott.ssa Laura Aiudi - Università Politecnica delle Marche.   In breve: Indagare le condizioni paleoclimatiche che hanno portato alla deposizione del sapropel S6 tramite lo studio delle associazioni di nannofossili calcarei, il confronto con la letteratura e altri proxy provenienti dalla stessa carota quali isotopi stabili dell'ossigeno, dinocisti e pollini.   Abstract: Il Mediterraneo viene definito come perfetto “laboratorio" per studiare l'effetto dei cambiamenti climatici in quanto soggetto a questi più di altre zone. Essendo infatti un bacino semichiuso è più sensibile alle variazioni...

Misure per contrastare l’emergenza epidemiologica da COVID-19

📣📣📣INFORMAZIONE IMPORTANTE A seguito delle disposizioni del DCPM 8 marzo 2020 e salvo ulteriori disposizioni da oggi fino al 4 aprile non saremo aperti al pubblico e saremo presenti in sede in orari ridotti solo per prenderci cura delle tartarughe ricoverate. Per qualsiasi emergenza il numero a cui contattarci è 3345688320, per tutto quello che non è urgente e strettamente necessario (come il recupero di un animale in difficoltà, per intenderci) ci potete scrivere una mail a informazione@fondazionecetacea.org....

Una boa al largo di Rimini per monitorare l’inquinamento acustico sottomarino.

L’inquinamento è presente in mare sotto molteplici forme, non sempre percepibili coi nostri sensi: l’inquinamento da sversamento di sostanze tossiche, l’inquinamento da rifiuti solidi, ma anche l’inquinamento termico e l’inquinamento acustico. Quest’ultimo per esempio, pur non essendo percepibile sott’acqua dall’orecchio umano, merita di essere studiato ed approfondito per le sue conseguenze sulla fauna marina in quanto l’acqua permette una propagazione del suono più veloce di quanto avvenga in aria, circa 1500 metri al secondo, cioè circa 4 volte tanto. Numerosi studi attribuiscono all’eccessivo rumore subacqueo la responsabilità di morti e spiaggiamenti di diversi organismi marini, in particolar modo i cetacei. Le fonti principali di questa...

L’UE e il mare.

In allegato è possibile scaricare in pdf il libro "L'UE e il mare". Questo libro, scritto da Marco Affronte con la prefazione del nostro presidente Sauro Pari, si colloca all'interno dell' omonimo progetto finanziato dalla Regione Emilia Romagna, nato con l'obiettivo di sensibilizzare la cittadinanza europea su come l'Unione Europea intervenga nello studio, nella ricerca e nella conservazione per quanto riguarda il nostro mare. "Il Mare è forse uno dei luoghi più emblematici su cui la ricaduta delle politiche europee può fare la differenza nel breve periodo. Il mare è di tutti e di nessuno e per anni è stato vissuto in questo modo. Trattati bi-tri-quadrilaterali...

Progetto Interreg SOUNDSCAPE: ultima “prova generale” prima del via al monitoraggio subacqueo.

Il 23 gennaio 2020 presso i laboratori del CNR Ismar di Venezia all’Arsenale si è tenuta la sperimentazione delle boe autoregistranti dotate di idrofoni che saranno utilizzati per il monitoraggio del clima acustico subacqueo da parte dei partner del progetto Interreg Italia Croazia “SOUNDSCAPE: paesaggi sonori nell’ Adriatico settentrionale e il loro impatto sulle risorse biologiche marine”. I 4 partner croati (Institute of Oceanography and Fisheries, Blue World of Marine Research and Conservation, Ministry of Environment and Energy, Teaching Institute of Public Health Primorje- Gorski Kotar County) e i 4 partner italiani (Consiglio Nazionale delle Ricerche, Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente del Friuli...